Derniers flash de l'agence Fides

AFRICA/CONGO RD - Il Presidente Kabila incontra il Presidente della Conferenza episcopale: le elezioni si faranno

Kisangani – “Abbiamo parlato di elezioni. Le elezioni si terranno. Non è un segreto. Tutti parlano di elezioni. E credo che anche il Presidente della Repubblica, al suo livello, non abbia smesso di dire che le elezioni ci saranno”: lo afferma a Radio Okapi Sua Ecc. Mons. Marcel Utembi, Arcivescovo di Kisangani e Presidente della Conferenza Episcopale del Congo dopo un incontro con il Capo di Stato Joseph Kabila.Il Presidente congolese in visita a Kisangani il 5 luglio, ha incontrato diverse personalità della città e della provincia di Tshopo, tra cui l’Arcivescovo Utembi, il quale dopo l’incontro ha dichiarato: “Abbiamo affrontato questioni che non possono essere divulgate ora perché si tratta di colloqui tra due importanti autorità: il Presidente della Repubblica e il Presidente della CENCO. Come sapete la CENCO ha dovuto condurre la mediazione dei negoziati diretti per tre mesi. Ed è normale che segua il cammino per l’attuazione di questo importante documento”. L’Accordo firmato il 31 dicembre 2016, per questo chiamato “Accordo di San Silvestro”, tra le varie parti politiche e sociali del Congo, cui si è giunti grazie alla mediazione dei Vescovi, prevede la formazione di un governo di unità nazionale che porti il paese alle elezioni generali entro il 2017. Nel Messaggio pubblicato al termine della loro ultima Assemblea Plenaria , i Vescovi hanno ribadito che “l’Accordo di San Silvestro è l’unica mappa stradale, basata solidamente sulla Costituzione, della quale dobbiamo esigere il rispetto e la sua applicazione da parte dei firmatari”.

AFRICA/SUDAN - Medici pediatri, ostetriche, infermieri impegnati ogni giorno nel campo profughi di Mayo

Mayo - Il campo profughi di Mayo è un’enorme distesa di polvere, fango e capanne alle porte di Khartoum, capitale del Sudan. La sua popolazione oscilla tra le 300 mila e le 700 mila persone arrivate all’inizio degli anni Duemila, in fuga dal conflitto nel Darfur. Molti altri sono scampati dalla guerra in Sud Sudan o dalle violenze e della povertà dei tanti focolai di crisi che infiammano l’Africa Subshariana. Dal 2005 nel quartiere di Angola, Mayo, l’ong Emergency ha attivato un centro pediatrico. Come si legge nel comunicato della ong pervenuto a Fides, per cinque giorni alla settimana uno staff formato da medici pediatri, infermieri ed health promoter offre gratuitamente servizi di pronto soccorso e di sanità di base, con un reparto di degenza per l’osservazione giornaliera e un’ambulanza per il trasferimento dei casi urgenti agli ospedali vicini. I bambini curati ogni giorno sono 50. In parallelo alla clinica sono cresciute anche le attività di family playing, antenatal care e post natal care. Nel 2016 sono stati allestiti due nuovi container all’interno dei quali operano una ginecologa, una ostetrica internazionale e due ostetriche sudanesi.

AMERICA/VENEZUELA - Al via l’Assemblea Plenaria dei Vescovi: sostenere il popolo di Dio in questi momenti difficili

Caracas – Dal 7 al 12 luglio si tiene a Caracas la 108.ma Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale del Venezuela a cui partecipano 50 Vescovi delle 45 giurisdizioni ecclesiastiche del paese. I Vescovi venezuelani affronteranno questioni importanti dinanzi allo scenario di crisi che vive il paese, esaminando le sfide poste dalla situazione attuale alla Chiesa e considerando l'impegno a sostenere il popolo di Dio in momenti di vitale importanza come quelli attuali.E' anche prevista la visita del Card. Claudio Hummes, a capo della Rete ecclesiale Pan-Amazzonica , insieme al gruppo che dirige tale organismo. Al termine della Plenaria, il 12 luglio, i Vescovi venezuelani pubblicheranno un'esortazione pastorale come documento conclusivo della 108 Assemblea ordinaria.

AMERICA/MESSICO - Un altro sacerdote brutalmente ucciso nella sua parrocchia

Nezahualcóyotl – "Con profondo dolore e sgomento informiamo della morte del nostro fratello sacerdote diocesano Luis Lopez Villa, 71 anni, che il 5 luglio è stato ucciso da criminali che sono riusciti a fare irruzione nella Parrocchia San Isidro Labrador, nel comune de Los Reyes" afferma il comunicato della diocesi messicana di Nezahualcóyotl, comunicando la morte violenta del terzo sacerdote in Messico in questo anno 2017."Il presbitero Luis Lopez Villa, è nato il 20 gennaio 1946 a Santiaguillo . E' stato ordinato sacerdote il 18 luglio 1985 ad Amecameca, stato di Messico. Tutti, sacerdoti e fedeli laici della diocesi di Nezahualcoyotl, sono molto scioccati e addolorati da questa triste notizia" continua il comunicato pervenuto a Fides. "Preghiamo per le nostre autorità e abbiamo fiducia in loro, perché riescano a chiarire questo crimine, preghiamo anche per la pace e la giustizia nelle nostre comunità" conclude il testo.Il Vescovo della diocesi di Netzahualcóyotl, Sua Ecc. Mons. Héctor Luis Morales Sánchez, ha commentato che padre Lopez Villa è stato brutalmente assassinato mentre era nella sua stanza, la notte di mercoledì 5 luglio. Un primo rapporto della polizia informa che il sacerdote era stato legato e immobilizzato, mani e piedi, con nastro adesivo, e presentava due ferite profonde, una al collo e una sul lato sinistro del torace, causate da un'arma da taglio.

AMERICA/MESSICO - I bambini dello Stato di Chihuahua iniziano a consumare droghe a 10 anni

Chihuahua - Il consumo di droghe, nello Stato di Chihuahua, inizia a partire dai 10 anni di età. La denuncia arriva dal Centro Statale di Tossicologia di PCE, dello Stato messicano che è il primo nel Paese dove si registrano casi allarmanti. I bambini di strada consumano inalanti e solventi, molti di loro per mitigare il senso di fame. Il fenomeno riguarda tutto il Paese dove i minori consumano alcune sostanze psicoattive como cocaina, eroina e benzodiazepine, sostanze che aiutano a dormire e a rilassare i muscoli oltre ad essere farmaci con indicazioni terapeutiche. Tuttavia, la droga di maggiore consumo rimane la mariuana, con l’ 81.8% nel 2012, al di sopra della media nazionale, che è del 79.5%. Un aumento del 500% è stato anche registrato nel consumo di sostanze di vetro negli ultimi 5 anni.

AFRICA/SUDAN - Il colera raggiunge anche i campi profughi dell’ Est Darfur

Karthoum – Dopo i casi di colera registrati nel White Nile e nello Stato Settentrionale del paese , è la volta dei campi profughi dell’area sud sudanese e dell’est Darfur. Contagi e morti nel campo profughi di Kario, 35 km a sud di Ed Daein, oltre che a Khazan Jadeed, area di Shearia. In una settimana, i primi resoconti sulla diffusione dell’epidemia di colera in Nord Darfur sono stati accompagnati dai rapporti di contagi in Sud Darfur e est Darfur. Dall’inizio dell’epidemia negli Stati est e sud-est del Sudan, l’organizzazione mondiale della sanità e il Ministero della salute Sudanese non si sono mai riferiti alla pandemia come al colera, ma alla forma meno aggressiva di “diarrea acquosa acuta”. Nel South Kordofan, in totale, il numero di contagi è salito a 207 oltre a 21 morti nel centro sanitario locale di Farshaya. Ulteriori contagi sono stati riportati nella parte occidentale di El Obeid, capitale del North Kordofan, dove la scuola El Sayed El Makki è stata trasformata in un centro per quarantena. Le persone della zona hanno espresso timori che questo possa portare ad una diffusione di infezioni tra gli studenti all'inizio dell'anno scolastico. Alcuni hanno preso in considerazione l’idea di prolungare il periodo di vacanza così da limitari ulteriori eventuali danni.

ASIA/TERRA SANTA - Comitato dell'Unesco: No alle misure unilaterali che alterano lo status di Gerusalemme e dei suoi Luoghi Santi

Gerusalemme - La città vecchia di Gerusalemme e le sue mura storiche rimangono nell'elenco dei siti del patrimonio mondiale dell'umanità da considerarsi “in pericolo”. E vanno considerati nulli e da revocare tutti i “fatti compiuti” e le misure legislative o amministrative messi in atto da Israele che hanno alterato o preteso di alterare il carattere e lo status della Città Santa. Così si esprime la risoluzione sullo status della Città Vecchia di Gerusalemme votata mercoledì 5 luglio dai partecipanti alla 41esima sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, riunitosi a Cracovia. La risoluzione sulla Città Santa definisce Israele “potenza occupante” e invita lo Stato ebraico a sospendere “scavi, costruzione di tunnel, opere, progetti e altre pratiche” messe in atto a Gerusalemme Est e soprattutto nella Città Vecchia.La presa di posizione dell'organismo che fa capo all'UNESCO è stata accolta con soddisfazione dal governo palestinese e dalla Giordania, dove i media presentano la risoluzione come un risultato positivo ottenuto grazie al lavoro della diplomazia del Regno Hascemita, che rivendica il ruolo di custode dei Luoghi Santi cristiani e musulmani della Città Santa. L'ambasciatore israeliano presso l'ONU Danny Danon ha invece definito “disgustoso” il linguaggio utilizzato dalla risoluzione, aggiungendo che “nessun falso comitato per il patrimonio universale può rompere il vincolo tra il nostro popolo e Gerusalemme”. .

AFRICA/BURKINA FASO - Allo studio la creazione di un fondo di solidarietà della Chiesa per le emergenze nazionali

Ouagadougou – Si sta svolgendo a Ouagadougou, presso il Centro per lo sviluppo umano integrale, un workshop sulla creazione di un fondo di solidarietà da parte della Caritas nazionale, per far fronte alle diverse crisi e alle catastrofi naturali che il Burkina Faso si trova periodicamente ad affrontare. Come afferma la nota della Conferenza Episcopale del Burkina Faso, è emerso che a livello di Chiesa del Burkina, non esiste un meccanismo di gestione di tali situazioni, pertanto è necessario pensare a come intervenire nelle crisi umanitarie, in maniera rapida ed immediata, avendo particolare attenzione per le persone più vulnerabili, vittime o colpite in qualche modo. Inoltre la creazione di tale fondo di solidarietà si inserisce nelle dinamiche di auto-gestione della Chiesa locale.Sono questi i motivi che hanno portato all’organizzazione di questo seminario, che si tiene dal 5 al 7 luglio, a cui partecipano i rappresentanti delle diverse diocesi del paese e delle varie strutture ecclesiali nazionali. Dopo lo scambio di esperienze di mobilitazione delle risorse locali all'interno della Chiesa, i partecipanti indicheranno una strategia per la realizzazione di questo fondo e la tabella di marcia per le prossime tappe.

AMERICA/BRASILE - Delegazioni indigene al Ministero della giustizia: stiamo vivendo grandi difficoltà

Brasilia – Il 4 luglio le delegazioni dei popoli Pataxó, Tupinambá e Kaingang, ha presentato alcune richieste al Ministero della Giustizia, a Brasilia, alla Commissione dei Diritti Umani del Senato federale e alla Segreteria Speciale per la Sanità Indigena . Il gruppo di 50 capi e dirigenti ha protestato per la demarcazione delle terre tradizionali, per le molestie morali e sessuali alle dipendenti presso le agenzie responsabili della sanità indigena a Rio Grande do Sul e Santa Catarina, e ha presentato una domanda di inchiesta sui servizi sanitari indigeni a Bahia."Ogni volta che mi sono seduto a parlare con il Segretario, dice sempre la stessa litania. Lui scrive carte, promette e non prende mai provvedimenti" afferma il capo Xaerru Pataxó del villaggio Caciana, di Porto Seguro, nella nota inviata a Fides dalle POM del Brasile. "Vogliamo sapere cosa decide di fare il Segretario. Stiamo vivendo grandi difficoltà. La nostra gente sta morendo per mancanza di cure, per la mancanza di responsabilità della SESAI".Riguardo alle richieste, si è parlato dei tagli al bilancio che il Ministero della giustizia ha costantemente subito negli ultimi mesi. Lo stesso Ministro ha detto che ci sono problemi legali che coinvolgono la demarcazione delle terre indigene e ha proposto che le terre indigene diventino "economicamente produttive". "Abbiamo bisogno di pensare insieme come sfruttare economicamente le vostre terre, in modo tale da avere come ritorno la sanità, l'istruzione, la cultura. Questa è la mia proposta di lavoro" conclude la nota. Il problema della terra in Brasile non è solo un problema dei popoli indigeni, ed è stato motivo di molta violenza: nel 2016 sono stati registrati 1.295 casi di conflitti per la terra e sono stati commessi anche 61 omicidi, con una crescita del 22% rispetto al numero di omicidi dell'anno precedente .

ASIA/FILIPPINE - Il Vescovo di Marawi: “Preghiamo e speriamo che la guerra finisca presto”

Marawi – “La situazione è estenuante: sono passati oltre 40 giorni di guerriglia e la nostra splendida città di Marawi è ridotta in macerie. Siamo in pena per padre Chito e gli altri ostaggi. Speriamo con tutto il cuore e preghiamo che la guerra a Marawi finisca al più presto”: lo dice all’Agenzia Fides il Vescovo Edwin De la Pena, che guida la Prelatura apostolica di Marawi, sull’isola di Mindanao, mentre il conflitto tra l’esercito filippino e i terroristi fedeli all’Isis, asserragliati dal 23 maggio nella città di Marawi, prosegue. Secondo stime ufficiali, fino al 5 luglio 351 sono i jihdisti uccisi, 39 i civili, 85 i militari filippini che hanno perso la vita, mentre i l’esercito filippino da alcuni giorni si avvale della consulenza strategica e delle tecnologie fornite dall’esercito americano.In una battaglia che sta durando molto più del previsto – il che mostra la accurata preparazione dell’assalto terrorista – il presidente Duterte spera che la crisi termini prima di pronunciare il prossimo discorso sullo stato della nazione, il 23 luglio, stesso giorno in cui scadono i due mesi di legge marziale proclamata a Mindanao dal 23 maggio. “C’è grande tensione. Non ci sono negoziati, ma si continua a combattere. Intanto molti profughi sono demoralizzati. Come leader cristiani e musulmani stiamo mostrando tutta la nostra solidarietà. La comunità dei battezzati continua a pregare. Parlerò della crisi di Marawi all’imminente assemblea plenaria dei Vescovi filippini, dove eleggeremo il nuovo Presidente. Siamo nelle mani di Dio. Speriamo che non venga fatto del male agli ostaggi. Continuiamo a sperare e pregare” conclude il Vescovo.

ASIA/LIBANO - I Vescovi maroniti: servono misure urgenti contro la proliferazione delle armi private

Beirut – La proliferazione delle armi private tra i civili inquieta i Vescovi maroniti, che richiamano le autorità libanesi a contrastarla con misure efficaci, senza garantire alcuna tolleranza e “copertura” politica a un fenomeno che rappresenta un fattore di rischio oggettivo per la convivenza pacifica nel Paese dei Cedri. I Vescovi maroniti hanno espresso le loro preoccupazioni per la diffusione fuori controllo di armi individuali tra i civili, nella loro riunione mensile, svoltasi mercoledì 5 luglio nella Sede patriarcale di Bkerkè, sotto la presidenza del Patriarca Bechara Boutros Rai. Tale fenomeno – riferisce il comunicato diffuso dopo l'incontro - è collegato anche all'aumento della criminalità comune, dato allarmante per una società che sembra aver perso “ogni freno morale e legale”. Nel comunicato finale, pervenuto all'Agenzia Fides, i Vescovi stigmatizzano anche l'aumento sfrenato della corruzione, e nello stesso tempo rendono omaggio agli sforzi fatti dal Presidente Michel Aoun per infondere “un nuovo slancio nel Paese e a livello del governo”. Mercoledì 5 luglio la questione della diffusione di armi tra i civili e soprattutto tra i rifugiati siriani è stata anche al centro di vivaci discussioni in seno alla compagine governativa. Nei giorni precedenti erano stati liberati la gran parte delle 80 persone arrestate di recente per aver esploso colpi di arma da fuoco durante momenti di festa e occasioni celebrative. A tale riguardo, il ministro degli interni Nouhad Machnouk aveva sostenuto che tali scarcerazioni erano avvenute in seguito a “pressioni politiche”, suscitando la reazione energica del ministro della giustizia Salim Jreissati. A suscitare apprensione nella società libanese è soprattutto la presenza di armi all'interno dei campi che ospitano profughi fuggiti dalla Siria. Venerdì scorso, l'esercito libanese ha compiuto una serie di operazioni all'interno dei campi profughi di al Nour e al Qariya, nella regione di Ersal, al confine con la Siria, dove sarebbero presenti anche gruppi di orientamento jihadista. Durante tali operazioni dell'esercito, secondo quanto riportato dalle fonti delle forze armate, sono state arrestate circa 300 persone, e si è registrato anche l'attacco contro i soldati libanesi di cinque kamikaze, che si sono fatti esplodere ferendo sette militari e provocando la morte di una bambina. .

AMERICA/VENEZUELA - Nel giorno dell’Indipendenza assalto al Parlamento

Caracas – Una giornata di tensione è stata vissuta ieri dal Venezuela: da una parte la celebrazione del 206.mo anniversario della firma dell'Atto di Indipendenza, dall'altra la violenza che è entrata nel Parlamento, simbolo fino a ieri della democrazia intoccabile del paese. Secondo fonti di agenzia, un gruppo di circa cento militanti chavisti è entrato con la forza nella sede del Parlamento e circa 350 persone sono rimaste sotto assedio per oltre nove ore. Deputati, funzionari e giornalisti che si trovavano dentro hanno subito aggressioni, si parla di una decina di feriti. Alla fine dell’assalto, Julio Borges, il Presidente dell'Assemblea nazionale ha dichiarato alla stampa: "questo gruppo di persone, pagate dal governo, è venuto in questa sede per sequestrare non i deputati o i giornalisti, bensì la sovranità popolare venezuelana, la nostra democrazia...".Attraverso i social media, sono pervenute a Fides numerose condanne di questo atto violento sia da parte dei governanti di molti paesi sudamericani che dal Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. Solo pochi giorni fa, il Card. Urosa Savino, Arcivescovo di Caracas, aveva definito la posizione del governo del Presidente Maduro come "guerra di un governo contro il popolo", e aveva spiegato: "Noi Vescovi chiediamo al governo nazionale di riconsiderare la situazione, di deporre l'atteggiamento di voler impiantare in Venezuela un sistema totalitario militarista-marxista; e, naturalmente, chiediamo di desistere dall'utilizzare risorse legali per smantellare lo stato. Tutto ciò è riprovevole e intollerabile e non è ciò che desidera la maggior parte del popolo venezuelano" .Papa Francesco, all’Angelus di domenica scorsa, 2 luglio, aveva ricordato che il 5 luglio ricorre la festa dell’indipendenza del Venezuela, assicuro la sua preghiera “per questa cara Nazione” mentre lanciava un appello “affinché si ponga fine alla violenza e si trovi una soluzione pacifica e democratica alla crisi”.

OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA - “La Chiesa è chiamata dal Vangelo a operare per la giustizia”, dice mons. Panfilo

Rabaul – “Voglio informare tutti i candidati alle elezioni nazionali che l'Arcidiocesi di Rabaul e la Conferenza episcopale di Papua Nuova Guinea e Isole Salomone daranno peso alla vicenda dell’espulsione del missionario laico cattolico neozelandese Douglas Tennent, dato che in tal caso le istituzioni sembrano voler dire che operare per la giustizia non rientra nella sfera e nel compito dei leader religiosi”: con queste parole, espresse in una nota pervenuta a Fides, Mons. Francesco Panfilo, Arcivescovo di Rabaul, è tornato sulla vicenda che agita la Chiesa in Papua Nuova Guinea, mentre il paese ha vissuto una caotica settimana in cui i cittadini sono andati alle urne e, dopo alcuni problemi registratisi a Port Moresby, hanno completato il voto.L’Arcivescovo si riferisce al caso che ha visto l’avvocato e collaboratore della sua diocesi, Douglas Tennent, improvvisamente espulso dal paese . Il provvedimento spiccato dal Ministero degli interni è conseguenza dell’impegno dell’Arcivescovo e della Chiesa locale in difesa della popolazione locale nel distretto di West Pomio, rispetto alla controversia nata per la presenza di una multinazionale malese che sfrutta il legname di quei territori per produrre olio di palma. Tennent ha lavorato per tre anni come amministratore nell'Arcidiocesi di Rabaul e il motivo ufficiale della sua espulsione è stata una presunta “violazione del visto” dato il suo coinvolgimento nella vicenda dei proprietari terrieri nel distretto di West Pomio, ma “Tennent stava soltanto offrendo consulenza legale per conto dell'arcivescovo”, ha ribadito mons. Panfilo“Per il bene della gente comune della Papua Nuova Guinea, chiediamo al governo di chiarire una volta per tutte”, ha detto l'Arcivescovo Panfilo. “Preghiamo perché le elezioni in corso possano dare al paese leader impegnati per costruire una società giusta e pacifica”, ha concluso, ribadendo che per la Chiesa “sostenere la gente vulnerabile e emarginata a West Pomio è un mandato evangelico, così come è quello di educare o curare i malati”.

ASIA/CINA - Nuovo slancio dal primo workshop dell’Evangelizzazione

Pechino – E’ il momento di dare nuovo slancio alla mobilitazione missionaria, nutriti dalla Parola di Dio e dalla preghiera, guidati dallo Spirito Santo, con un maggiore coinvolgimento dei laici: sono le riflessioni dei partecipanti al primo Workshop dell’Evangelizzazione, organizzato dall’Unione delle Superiore Maggiori degli istituti religiosi femminili della Cina continentale. Dal 21 al 25 giugno, si sono incontrate a Pechino 51 suore, sempre sulla prima linea dell’evangelizzazione, di 19 congregazioni religiose, 17 sacerdoti e una ventina di laici attivi nella vita pastorale e missionaria.Secondo le informazioni raccolte dall’Agenzia Fides, grazie alla testimonianza diretta di suore, sacerdoti e laici impegnati sul campo, i partecipanti hanno riflettuto durante il workshop su diversi aspetti dell’evangelizzazione: nel contesto urbano, del mondo rurale, dei mass media, dei giovani, dell’apostolato, dell’annuncio... Il direttore di Faith, don John Battista Zhang, che raccoglie ogni anno le statistiche dei battezzati in Cina, ha fatto riflettere tutti ponendo un interrogativo: “Con un miliardo e 300 milioni di popolazione, i 30/50 mila battezzati all’anno, non sono forse troppo poco?”.A partire da questa domanda, i partecipanti hanno analizzato problemi, difficoltà ed ostacoli che rallentano l’evangelizzazione, hanno discusso il ruolo della parrocchia, del catechismo, dei catechisti, dei gruppi di evangelizzazione delle Comunità ecclesiali di base. Tutti hanno concordato sul fatto che le suore hanno una dote naturale per portare l’amore di Cristo alla gente, con la loro straordinaria dedizione e capacità di comunicare lo spirito d’amore del Vangelo. E’ stato anche rilevato come i laici oggi siano molto attivi e indispensabili all’evangelizzazione nel mondo contemporaneo. Durante la condivisione, suor Nan Ying Hui della Congregazione della Presentazione di Nostra Signora di Shang Hai, ha detto: “Mi sembra di aver fatto un giro dell’evangelizzazione nelle diverse diocesi che mi ha aperto gli occhi e mi ha sensibilizzato sulla consapevolezza dell’urgenza missionaria”. Le suore di Shan Xi e della Mongolia Interna hanno aggiunto un'altra priorità: “Bisogna sempre migliorare noi stesse, come religiose, nella conoscenza e nell’approfondimento della fede nei confronti dei laici. Dopo aver sentito le testimonianze, mi sento in crisi. I laici di oggi sono formidabili, sia dal punto di vista teorico che pratico dell’evangelizzazione”. “Gratitudine e mobilitazione” sono i due termini che i partecipanti hanno portato a casa: immensa gratitudine al Signore per tutti i successi avuti finora e mobilitazione per rilanciare con nuovo entusiasmo l’evangelizzazione.

ASIA/TURCHIA - Imponenti misure di sicurezza per la celebrazione ecumenica in onore dei Santi Pietro e Paolo a Antiochia

Antakya – Quest'anno sono state imponenti le misure di sicurezza messe in campo in occasione della celebrazione della festa dei Santi Pietro e Paolo ad Antakya, l'antica Antiochia sull'Oronte, nella provincia turca dell'Hatay. Lo riferisce il padre cappuccino Domenico Bertogli, in un breve resoconto delle celebrazioni inviato all'Agenzia Fides. Anche quest'anno, il centro delle giornate di festa è stata la “Grotta di Pietro”, l'antica chiesa rupestre sul monte Silpius, riaperta alle visite nel 2015, dopo un restauro durato molti anni.Alle 10 del 29 giugno – riferisce padre Bertogli – presso la grotta si è svolta una celebrazione ecumenica presieduta dal Vescovo Kostantin, Igumeno del monastero di S. Elia in Libano – rappresentante di Yohanna X, Patriarca di Antiochia dei siro-ortodossi – e dal Vescovo Paolo Bizzeti, SJ, Vicario apostolico dell'Anatolia. Il Comune di Antakya – avverte p. Bertogli - “ha provveduto alle sedie, all’impianto di amplificazione e ai pullman per portare i fedeli”. Alla celebrazione hanno preso parte, tra gli altri, un archimandrita e 5 sacerdoti ortodossi, 6 sacerdoti cattolici e il reverendo coreano Jakub, pastore protestante di Antakya. Nei loro vari interventi, introdotti dal padre cappuccino Paolo Raffaele Pugliese, Vescovi e sacerdoti si sono soffermati “sull’importanza di questa città” e sul fatto di “vivere uniti nel rispetto e nell’amore". "Si è pregato per la pace in turco, arabo e coreano, con un pensiero particolare alla vicina Siria, martoriata da un’assurda, lunga guerra civile. Veramente” aggiunge il frate cappuccino “è stato un richiamo quanto mai forte a camminare insieme con rinnovata fede, sull’esempio dei due grandi Apostoli”.L'antica chiesa rupestre di San Pietro conserva ancora la fisionomia che le diedero i crociati, che conquistarono l'antica Antiochia sull'Oronte nel 1098. Ma già i bizantini avevano trasformato in cappella il luogo dove si incontravano i primi battezzati nei periodi di persecuzione, nella città dove per la prima volta i discepoli di Gesù furono chiamati cristiani e dove fu Vescovo San Pietro, prima di venire a Roma.Il restauro recente ha posto fine allo stato di abbandono in cui versava la Grotta di Pietro, reso ancora più avvilente da rozzi interventi precedenti. In anni passati, Patriarchi e Vescovi sono stati spesso presenti alle celebrazioni che vi si sono svolte in occasione della solennità dei Santi Pietro e Paolo.

AMERICA/STATI UNITI - Il Card. Tobin: “Noi cattolici americani siamo una Chiesa di migranti”

Orlando – Nel contesto della chiusura del più grande incontro di cattolici nord americani svoltosi ad Orlando, negli Stati Uniti d’America, al quale hanno partecipato più di 3 mila persone, l'Arcivescovo di Newark , il Card. Joseph William Tobin C.Ss.R. ha rilasciato un'intervista al quotidiano La Croix in cui sottolinea la forza dell'identità cristiana dinanzi alla crisi che vivono oggi molti paesi."Come seguaci di Gesù, dobbiamo fare attenzione a non escludere gli altri – afferma il Cardinale -. Il clima di insicurezza ha provocato un patriottismo esagerato negli Stati Uniti. Ognuno si identifica prima di tutto come un americano piuttosto che come discepolo di Gesù. Tutto ciò che passa avanti alla nostra identità cristiana, diventa idolatria. E noi stessi, cattolici americani, siamo presi da questo rischio".Alla domanda sui rapporti della Chiesa con il Presidente Trump, il Card.Tobin risponde: "Donald Trump è un uomo d'affari. Dice che cerca sempre di concludere un accordo. I Vescovi devono stare attenti, perché farà vedere di essere contro l'aborto, che non li costringerà a sostenere la contraccezione ... E in cambio, chiede il silenzio sulle sue parole così irrispettose degli altri o sul fatto di riportare alla frontiera i migranti. E' pericoloso. Noi cattolici americani siamo una Chiesa di migranti. Abbiamo sempre lavorato a loro favore”.

ASIA/NEPAL - Dopo il terremoto, cresce la fede nel popolo di Dio

Kathmandu – In un evento tragico come il terremoto, non manca la grazia di Dio: è quanto emerge dal contesto del Nepal dove, dopo il forte sisma del 2015, si è rafforzata la fede nel popolo di Dio: “Il terremoto è stato orribile e spaventoso. Ma nella tragedia ci siamo sentiti vicini l'uno all'altro, abbiamo pregato con costanza, abbiamo messo in moto uno sforzo di solidarietà e ricevuto aiuti da diverse parti del mondo. In tal modo, gradualmente, ci hanno aiutato a ricostruire le nostre vite e mezzi di sostentamento. Abbiamo sperimentato la resilienza, la pazienza e l'ottimismo, la speranza e il coraggio, anche in un'esperienza dolorosa. La nostra fede ne è uscita rinsaldata”, racconta a Fides una donna cattolica nepalese di nome Uttara.“Il sisma non ha indebolito l'amore e la solidarietà dei cristiani e dei non-cristiani. Ci ha colpito ricevere aiuti da persone di tutto il mondo, senza alcuna differenza di fede. Siamo stati toccati dal vedere tanto amore e compassione della gente nei nostri confronti: questo ci ha aiutato ad renderci conto della misericordia Dio nella nostra vita”, aggiunge un’altra cristiana, Babita, parlando a Fides.Molti uomini e donne, cristiani nepalesi esprimono il medesimo concetto e dicono a Fides che l’evento drammatico del terremoto ha contribuito a rafforzare la loro fede in Dio e a sperimentare concretamente lo spirito di solidarietà. Alla fase di emergenza, assistenza e ricostruzione hanno cooperato le istituzioni civili, il governo, le Ong, gli enti internazionali, comunità religiose come la Chiesa cattolica attraverso la Caritas.Sono trascorsi due anni da quel 25 aprile del 2015, quando un terremoto di magnitudo 7.8 ha scosso il Nepal. Oltre 8.500 persone sono morte, oltre mezzo milione di case distrutte, oltre cinque milioni di persone in qualche modo interessate dagli effetti del sisma: si tratta del disastro naturale dagli effetti maggiormente letali della storia del paese.Tra gli organismi cattolici, Caritas India e Nepal e le Caritas di altri paesi occidentali sono state ampiamente coinvolte nell’opera di riabilitazione, nella ricostruzione di abitazioni con criteri e materiali antisismici, in progetti per il sostegno e lo sviluppo delle genti colpite .A due anni dal sisma, numerose famiglie si sono installate in nuove case, ha riferito “Cafod” , spiegando che “la risposta umanitaria include il sostegno a partner locali per organizzare laboratori di formazione professionale con persone appartenenti alle comunità colpite, in modo che possano costruire case più sicure, in grado di sopportare scosse di terremoto”.Le donne, rileva Cafod, hanno subito in modo sproporzionato l’impatto del terremoto e per questo i progetti di riqualificazione educativa e professionale avviati rappresentano “un'ancora di salvezza per loro”. Non mancano programmi per ricostruire le scuole, sistemi idrici, aziende agricole. La Caritas, con tutti i suoi partner e agenzie di vari paesi, è tuttora impegnata in progetti e iniziative che mirano a restituire dignità delle persone colpite e aiutare i sopravvissuti a ricostruire un futuro prospero.

ASIA/SIRIA - Il Presidente siriano Assad incontra il nuovo Patriarca e i Vescovi della Chiesa cattolica greco-melchita

Damasco – Le Chiesa cattolica greco melchita e le altre Chiese e comunità ecclesiali presenti in Siria hanno giocato un “ruolo importante” a livello nazionale durante il conflitto siriano, soprattutto perchè hanno contribuito a custodire il senso di unità e di appartenenza nazionale di fronte ai tentativi di diffondere “idee estremiste”. E' questo il riconoscimento tributato dal Presidente siriano Bashar al Assad al nuovo Patriarca cattolico greco melchita Youssef, da lui ricevuto a Damasco insieme a una delegazione di Vescovi melchiti, nella giornata di martedì 4 luglio. Il ricevimento presidenziale è avvenuto nella cornice delle cerimonie per l'insediamento del nuovo Patriarca nella sede di Damasco. L'agenzia ufficiale siriana SANA, con i suoi toni consueti, dà notizia dell'incontro riferendo che durante i colloqui è stata celebrato lo spirito del popolo siriano, e la capacità delle sue diverse componenti di resistere insieme alla “guerra terroristica”, determinando gli esiti di un conflitto “i cui effetti determineranno le sorti di tutti i popoli della regione”. Il 71enne Youssef Absi è stato eletto Patriarca di Antiochia dei greco-melchiti mercoledì 21 giugno. Nativo di Damasco, possiede anche la cittadinanza statunitense. Appartiene alla Società dei missionari di San Paolo , sorta nel Novecento in seno alla Chiesa cattolica greco-melchita con l'intento di alimentare la vita spirituale dei fedeli soprattutto attraverso la predicazione e le missioni popolari. Prima di essere eletto Patriarca era Arcivescovo titolare di Tarso e Vicario patriarcale a Damasco. Prima dell'inizio del conflitto siriano, le stime più ricorrenti accreditavano in Siria la presenza di circa 235mila cattolici greco melchiti. Agenzia Fides 5/7/2017)

EUROPA/SPAGNA - Da 50 anni al servizio dell’evangelizzazione nel mondo del lavoro

Avila – "Terra, tetto e lavoro per una vita dignitosa" è lo slogan che caratterizza il Seminario internazionale e l’Assemblea generale del Movimento Mondiale dei Lavoratori Cristiani che terrà in Spagna, dal 15 al 21 luglio, presso l'Università di Mistica Avila. Vi prenderanno parte 120 delegati in rappresentanza dei movimenti di lavoratori cristiani di 42 nazioni. E' un momento molto importante nella storia del MMTC, che festeggia 50 anni di impegno per l'evangelizzazione del mondo del lavoro.Secondo la nota pervenuta all’Agenzia Fides, durante il Seminario internazionale, che si terrà dal 15 al 18 luglio, si parlerà di come costruire una società solidale e delle attuali minacce alla dignità umana e al diritto al lavoro, secondo la prospettiva fornita dai delegati MMTC di America, Africa, Asia ed Europa, che presenteranno la situazione occupazionale e dei lavoratori dei loro paesi. All'inaugurazione del Seminario parteciperanno il Sindaco Josè L. Rivas e il Vescovo di Avila, Mons. Jesus Garcia Burillo, oltre a rappresentanti del mondo politico, sindacale ed ecclesiale.Durante il Seminario i rappresentanti del sindacalismo internazionale e dei movimenti popolari discuteranno sulla situazione dell'occupazione a livello mondiale, sulle tendenze, sul presente e sul futuro. Verrà anche presentato il pensiero di Papa Francesco sul lavoro umano dal Vescovo incaricato della pastorale del mondo del lavoro della Conferenza Episcopale Spagnola, Mons. Antonio A. Algora. Durante l'Assemblea Generale, dal 19 al 21 luglio, verrà fatta una valutazione delle attività svolte negli ultimi quattro anni, quindi si svolgeranno le elezioni per il rinnovo delle cariche dirigenziali, verranno esaminate le proposte di lavoro per il prossimo quadriennio e verrà approvato il piano d’azione. All’Assemblea è prevista la presenza del Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola, il Card. Ricardo Blázquez Perez, Arcivescovo di Valladolid.

AMERICA/VENEZUELA - “Bisogna rispettare i diritti umani in Venezuela” chiede Mons. Padron; un altro giovane morto negli scontri

Bogotà – Il Presidente della Conferenza Episcopale del Venezuela , l’Arcivescovo di Cumaná, Mons. Diego Rafael Padrón Sanchez, ha ricordato che la crisi sociale e politica nel suo paese è "molto grave" e che serve con urgenza un dialogo tra il governo e l'opposizione per evitare ulteriori morti. Mons. Padron Sanchez ha fatto queste dichiarazioni parlando con la stampa colombiana, durante la sua visita ai Vescovi della Colombia riuniti a Bogotà per la loro 103ma Assemblea Plenaria."Che la crisi venezuelana sia molto grave lo dimostrano i tre mesi di proteste continue" ha commentato Mons. Padrón Sánchez, sottolineando che manca chiarezza sulla questione dei diritti umani. Attualmente si parla di circa 85 persone, soprattutto giovani, che sono morti durante le proteste, ma non c’è alcun registro o informazioni precise su questi casi. "Riusciamo a conoscere queste notizie dal racconto della gente… c'è anche un gran numero di accuse di violazioni dei diritti umani sotto forme mai pensate e in ogni senso" ha denunciato l'Arcivescovo di Cumaná, secondo le informazioni pervenute a Fides.Mons. Padron ha negato che la Chiesa in Venezuela sia perseguitata, ma ha riconosciuto che il suo lavoro viene ostacolato. "In questo momento ciò di cui il Venezuela ha bisogno non è una nuova Costituzione, ma che i problemi di cibo, medicine, libertà e rispetto della dignità umana vengano risolti" ha concluso.Nella diocesi venezuelana di San Cristóbal, Sua Ecc. Mons. Mario Moronta ha intanto pubblicato un comunicato per vietare l’uso delle parrocchie e dei locali annessi per il referendum del 16 luglio, organizzato dagli organi del governo nella zona, per decidere se sostenere o meno la contestata Assemblea Nazionale Costituente. “Si tratta di un'attività eminentemente politica e di partito - si legge nel comunicato -. I leader possono farlo, se lo desiderano, nelle aree pubbliche aperte, ma non in chiese, cappelle, luoghi di culto o nei loro cortili o nelle vicinanze".Ieri nel comune di Cardenas , un giovane di 25 anni è morto durante uno scontro con la Guardia Nazionale durante le manifestazioni in questa zona. Non è stata ancora chiarita la vicenda, ma sembra che sia stato colpito da un lacrimogeno.

Páginas